/ Category / Poesie di Grandi Poeti

LINDSAY, LEE MASTER E SANDBURG

by Hanrahan il Rosso

Vachel Lindsay, Edgar Lee Master e Carl Sandburg: la triade poetica del Middle West statunitense, cantori del popolo, della gente, di chi lotta tutti i giorni per tirare avanti, senz’altro aiuto che le proprie braccia, la mano tesa di qualche samaritano e le parole dei poeti.

Carl Sandburg – “Il popolo del sì”

Dai quattro angoli della terra,
Da angoli sferzati dal vento
E morsi dalla pioggia e dal fuoco,
Da luoghi in cui i venti hanno inizio
E le nebbie nascono con fanciulli di bruma,
Uomini alti vennero da alti declivi rocciosi
E uomini pieni di sonno da valli assonnate,
Con le loro alte donne, con le donne in sonno,
Con fagotti e bagagli,
Coi piccoli che balbettavano, “E adesso dove andiamo? e dove poi?
(…)

Chi conosce il popolo
Chi lo conosce da cima a fondo?
Il popolo, sì.

Vechel Lindsay – “Il generale William Booth entra in paradiso”
(…)
Gesù uscì dalla porta del tribunale
Estese le sue mani sui poveri che passavano.
Booth non vedeva ma conduceva i suoi strani compagni
Torno torno la gran piazza del tribunale.
Marciò senza una macchia, avvolta in vesti nuove.
Gli storpi furono raddrizzati, le membra secche rese a nuova vita,
E gli occhi aperti a un mondo dolce e nuovo.
(…)

“Gli uomini vuoti” di T.S. Eliot

by Hanrahan il Rosso

Un penny per il vecchio Guy

I
Siamo gli uomini vuoti
Siamo gli uomini impagliati
Che appoggiano l’un l’altro
La testa piena di paglia. Ahimè!
Le nostre voci secche, quando noi
Insieme mormoriamo
Sono quiete e senza senso
Come vento nell’erba rinsecchita
O come zampe di topo sopra vetri infranti
Nella nostra arida cantina

Figura senza forma, ombra senza colore,
Forza paralizzata, gesto privo di moto;

Coloro che han traghettato
Con occhi diritti, all’altro regno della morte
Ci ricordano – se pure lo fanno – non come anime
Perdute e violente, ma solo
Come gli uomini vuoti
Gli uomini impagliati..

II
Occhi che in sogno non oso incontrare
Nel regno di sogno della morte
Questi occhi non appaiono:
Laggiù gli occhi sono
Luce di sole su una colonna infranta

Laggiù un albero ondeggia
E voci vi sono
Nel cantare del vento
Più distanti e più solenni
Di una stella che si spegne.

Non lasciate che sia più vicino
Nel regno di sogno della morte
Lasciate anche che porti
Travestimenti così deliberati
Pelliccia di topo, pelliccia di cornacchia, doghe incrociate
In un campo
Comportandomi come si comporta il vento
Non più vicino –

Non quel finale incontro
Nel regno del crepuscolo

III
Questa è la terra morta
Questa è la terra dei cactus
Qui le immagini di pietra
Sorgono, e qui ricevono
La supplica della mano di un morto
Sotto lo scintillio di una stella che si va spegnendo.
E’ proprio così
Nell’altro regno della morte
Svegliandoci soli
Nell’ora in cui tremiamo
Di tenerezza
Le labbra che vorrebbero baciare
Innalzano preghiere a quella pietra infranta.

IV
Gli occhi non sono qui
Qui non vi sono occhi
In questa valle di stelle morenti
In questa valle vuota
Questa mascella spezzata dei nostri regni perduti
In quest’ultimo dei luoghi d’incontro
Noi brancoliamo insieme
Evitiamo di parlare
Ammassati su questa riva del tumido fiume
Privati della vista, a meno che
Gli occhi non ricompaiano
Come la stella perpetua
Rosa di molte foglie
Del regno di tramonto della morte
La speranza soltanto
Degli uomini vuoti.

V
Qui noi giriamo attorno al fico d’India
Fico d’India fico d’India
Qui noi giriamo attorno al fico d’India
Alle cinque del mattino.

Fra l’idea
E la realtà
Fra il movimento
E l’atto
Cade l’Ombra

Perché Tuo è il Regno
Fra la concezione
E la creazione
Fra l’emozione
E la responsione Cade l’Ombra

La vita è molto lunga
Fra il desiderio
E lo spasmo
Fra la potenza
E l’esistenza
Fra l’essenza
E la discendenza
Cade l’Ombra

Perché Tuo è il Regno
Perché Tuo è
La vita è
Perché Tuo è il

E’ questo il modo in cui finisce il mondo
E’ questo il modo in cui finisce il mondo
E’ questo il modo in cui finisce il mondo

Non già con uno schianto ma con un lamento.

HALO 3

by Hanrahan il Rosso

PAURA DEL RINNOVAMENTO

by Hanrahan il Rosso

“Aprile è il più crudele dei mesi, genera
Lillà da terra morta, confondendo
Memoria e desiderio, risvegliando
Le radici sopite con la pioggia della primavera”.
La terra desolata
T.S. Eliott -1922

“Mi rattrista l’aprile futuro
e compiango le potenti foreste condannate
a rinnovarsi ogni anno all’infinito.
Perché da innumerevoli migliaia d’anni
sono le stesse messi e identici fiori
Sfociati ed appassiti, invariabilmente…”
Tristezza di settembre
Ephraim Mikhael -1888

DEDICATA A MEDICI E DOTTORI

by Hanrahan il Rosso

“Mi chiamano e vado.
Una gelida strada dopo mezzanotte
e nevischio rappreso
tra le dure carreggiate.
S’ apre la porta e io sorrido ed entro
e il freddo scrollo via.
Grande nel letto una donna,
rivoltata sul fianco.
Malata, magari vomita,
magari è in preda alle doglie
del decimo parto.
Gioia, gioia. La notte
è un’abbuiata stanza per gli amanti:
un ago d’oro il sole
ha messo tra le imposte.
Le scosto la chioma dagli occhi,
guardo la sua miseria con pena.”
(William Carlos William, 1951)